5 Fasi di una Cena in Grecia con Amici Greci…

Ecco le 5 Fasi dell'invito a Cena in un Ristorante Greco da parte di Amici Greci in Grecia... Insomma una situazione da ALERT di massimo livello in quanto a calorie ingerite; raki assunto; selfie imbarazzanti e via dicendo. Ma vediamo Come e Perché:

FASE 1 LA CENA:  la Cena inizia in modo normale. Orario standard - 21.00 - puntuali e non con la solita ora e mezzo di ritardo. Locale tranquillo: un kafenion con vecchietti che giocano a carte. Arriva la cameriera e qui, udite udite, iniziano i sudori freddi! In che senso? Nel senso che ovviamente ordinano loro - gli amici greci - non facendosi mancare assolutamente niente delle proposte a tema antipasto. Quindi: 100 chili di insalata greca; zucchini sticks per un reggimento; horta (non so se si scrive proprio così); polpettine di melanzane e tzatziki. Non male com inizio. Finito questo light starter, annaffiato da Mythos o Fix o vino locale, si arriva al dunque ovvero alla cena vera e propria. Se l'italiano - infatti - vede questa intro gastronomica come una cena il Greco la prende, appunto, per un'antipasto; un preludio. Ecco, allora, che arrivano 10 chili a  testa di makaruna (il piatto tipico di Karpathos: un concentrato di grassi animali saturi, polisaturi, strasaturi, ipersaturi che si dice Umberto Veronesi - fautore del claim "la prevenzione inizia a tavola" -   voglia far mettere fuori legge con la motivazione "tentato omicidio"); 5 souvlaki a testa (5 bastoncini) tra maiale e pollo e patate fritte. Insomma, la situazione si fa pesante - tutto è buonissimo - ma mente e corpo iniziano a dar segni di cedimento. Però l'Italiano è tranquillo, dopo questa fase le pietanze dovrebbero essere finite. E' mezzanotte, si è ordinato tutto, il cinema finisce. E invece no...

Opa

FASE 2 LA CENA BIS: Arriva l'amico pescatore! "No... Nikos no..." pensa l'italiano prevedendo quanto succederà. E infatti, Nikos dice "Ho pescato 5 aragostelle, che dite le faccio cucinare?" "Ovviamente" è la risposta unanime e allora... giù di seconda cena. Perché prima delle aragostelle non si può non ordinare un altra chilata di insalata. "Uh mama..." pensa l'italiano "questa è la volta buona in cui schiatto". E manda WhatsApp di commiato ad amici e parenti.

FASE 3 IL RAKI E L'OUZO: L'italiano ce l'ha fatta... ha resistito e accetta di buon grado la proposta di un digestivo. Peccato che il digestivo abbia un nome stra temuto: RAKI! La potentissima grappa greca che sturerebbe un qualsiasi lavandino tanta, e tale, è la potenza. Ma si sa... con i Greci e la loro cordialità non si può patteggiare. Tocca quindi bere almeno 3 bicchierini di mostro-raki. Al terzo il nostro chiede venia dandosi all'ouzo (errore tattico, il mischione, che il giorno dopo gli causerà mal di testa da record). E allora giù di altri 3 bicchieri...

cena-grecia-amici-ouzo

FASE 4 LE DANZE E I SELFIE: A questo punto si dovrebbe rimpatriare in Albergo o a Casa no? No, infatti, l'avete detto! Iniziano le danze, musica tradizionale e obbligo perentorio di darsi al ritmo ellenico. E lui... che odia ballare, che nei mitici anni '80 non accennava un passo neanche al ritmo di People From Ibizia o I will Survive  si trova, non si sa come, in mezzo al cerchio di ballerini ellenic style goffo peggio di un orango tango zoppo e ubriaco. E proprio per quest'ultima condizione, ubriaco, si trova a non curarsi tanto della situation pensando: "tanto sono in un paese sperduto, in un'isola che nessuno conosce, in mezzo a soli amici greci chissene... non mi vede nessuno". Ed è qui che il nostro sbaglia alla GRANDE! Il Greco, infatti, è diventato uno user compulsivo di Social, Selfie e connessioni 2.0. Eccolo, a questo punto, che lo immortala con il suo iPhone di ultimissima generazione e posta in immediata su Facebook taggando un po' tutto il mondo civilizzato. "PORCA putt***hera" pensa il made in Italy "e adesso che figura ci faccio io, che a Milano vado solo al Ceresio7 e all'Armani Café per uno champagnino e quattro ostriche". E' sì... perché la Grecia piace proprio per questo: perché ti permette di mollare tutte le menate da italiano super snobbettoso; liberandoti da stereotipi e da comportamenti preconfezionati. E questo è vero però, questa bellissima realtà greca, non è che proprio la vuole condividere in diretta mondiale, con cani e porci (come dicono a Oxford). Va bè... ci si penserà domani...

zorba-greco-cena

FASE 5 IL CONTO: Ed eccoci giunti all'ultima fase, da un certo punto di vista la più sorprendente. Il conto: 10 euro a testa per aver mangiato e bevuto come se non ci fosse un domani!

E qui, cari, la storia finisce con una nota finale: la situazione in oggetto è frutto di fatti realmente accaduti a Paola, Claudio, Davide, Chiara, Silvia, Chiara, Massimo, Giulia, Spazia. Esperienze di vita che lasciano il segno... Se vi va seguitemi anche su Facebook!

 

6 Risposta

  1. Cara Paola, io vivo a Creta. Il menù tipico può essere diverso, ma la sostanza dei fatti è quella! N.B.: Anthony Quinn ha recitato in Zorba il greco a pochissima distanza da dove ti scrivo... molti nonni di amici facevano le comparse nel film.
    • Grazie mille Elisabetta! Dai... che miti... ma quindi sei Italiana e vivi in Grecia o hai origini greche? Se ti va inviami qualche aneddoto divertente, che così scrivo un altro bel post veritiero. Sarebbe carino no? Ti lascio una mail pgiovanettoni@hotmail.it
  2. Brava, complimenti per l'articolo... molto carino, simpatico ed anche dolce.. Vivere qui alla fine è un pò sempre come essere in vacanza in qualche isola remota... anche per quelle che come me vivono ad Atene... e proprio ora che devo tornare a casa (,ma solo per il periodo estivo) mi dispiace... ed alla fine per quanto cercassi di evitarlo: mi sento un pochino greca ma come non esserlo con quest'atmosfera così surreale, con il cielo così azzurro, il mare, il cibo, la musica, le persone? ancora complimenti... p.s. si scrive Xorta alla greca "Χόρτα" p.s. se ti fa piacere, puoi iscriverti al gruppo su fb donnEmamme in Grecia, siamo un gruppo di italo .greci sparsi un pò ovunque...
    • si è vero!!!! xorta mi ero dimenticata... Su FB è una pagina non un gruppo... Lo segnalo con un post il Gruppo donnEmamme in Grecia. Ti propongo una cosa.... perchè non mi mandi un po' di aneddoti carini e divertenti così scrivo un post. Che dici? Nel caso scrivimo su pgiovanettoni@hptmail.it mi è più semplice. GRAZIE MILLE per i complimenti!!!!
  3. Bellissimo questo articolo!!!!!!! :-)))

Lascia un commento