5 Isole Greche in cui trovare POCHI Italiani!

Se il vostro incubo è atterrare su di un’isola greca e sentir parlare solo ed esclusivamente italiano ecco, allora, che questo post fa per voi! Se il vostro desiderata è infatti quello di riuscire a sfuggire, in terra ellenica, da un turismo di massa tipicamente made in italy potete tranquillamente continuare a leggere.

A consigliarmi, in questo caso, è stato Massimiliano del Tour Operator Horizon Travel che ha redatto una veloce mappa dedicata alle 5 isole greche in cui, ad Agosto, si riescono ancora ad incontrare un numero esiguo di italiani.

Perché, onestamente, leggo spesso nomi quali Milos, Karpathos, Folegandros le sconosciute e, ancora più onestamente, mi faccio due ghigne. Su Karpathos vi posso dire per certo che, oggi come oggi, i camerieri vengono preferibilmente assunti se parlano italiano. Su Milos basta vagare sui vari blog di malati di Grecia per vederla citata 2k volte. Tutte belle, bellissime ovviamente, ma sicuramente non incontaminate.

Vediamo allora dove andare in Grecia per sentir parlare più greco che italiano!

Kalymnos e Leros: loro possono essere definite “Veramente Greche". Si raggiungono da Kos, Rodi e Samos. Che dire di Kalymnos… La sua fortuna risiede nell’essere molto vicina a Kos che, al pari delle sirene, attrae a sé la maggior parte dei turisti lasciando tranquilla la soave vicina. Kalymons fa al caso vostro se vi piacciono i paesaggi aridi e rocciosi: caratteristica che l’ha resa una delle mete preferite per chi fa arrampicata su roccia. Famosissime, inoltre, le sue spugne naturali.

Leros, all’opposto, è molto verde, piccola e semplicemente bella. Da segnalare il villaggio di Pandeli che vede casette bianche scendere verso il mare dove si trovano mulini a vento e porticciolo per un paesaggio da cartolina ed il fatto che le spiagge sono principalmente di ciottoli. Ideale fare escursioni e controllare, nei porticcioli, le proposte dei caicchi e dormire in un mulino.

Ikaria: raggiungibile da Samos sembra che regali a chi vi approda un che di magico. Gole profonde rivestite da fitti boschi, rocciosi paesaggi lunari e baie nascoste dal mare cristallino. Famoso anche il suo vino rosso.

Serifos e Sifnos: chi ci è già stato le cita con entusiasmo (leggi con occhi a forma di cuore) e, lo ammettiamo, tra quelle indicate sono quelle che ad Agosto accolgono già diversi italiani, ma non troppi. Possono essere abbinate in un’unica vacanza e sono comodamente collegate tramite nave dal Pireo. Volo su Atene quindi e poi via, si salpa.

Serifos è un’isola un po’ hippy che offre natura selvaggia e spiagge deserte anche ad agosto. Gli alberghi sono pochi, il mare è blu e l’atmosfera è super relax. Di italiani qui ce ne sono parecchi ma questa può risultare la prima isola dell'abbinata Serifos&Sfinos e, in effetti, è questa seconda ad essere meno italica in estate.

Con Sifnos si può vivere un mare verde azzurro incorniciato da campi di ulivi e caratterizzato da un’architettura tipicamente cicladica. Pochi italiani e, se volete un ricordo dell'isola, optate per "pottery" di cui l'isola vanta una tradizione consolidata.

Eccoci giunti alla fine di questa rapida carrellata dedicata alle isole greche in cui, anche ad Agosto, incontrate pochi italiani. Ne aggiungiamo due al volo, Syros e Skyros.

Non vado oltre, in termini di info, se no il post diventa interminabile e non mi sembra il caso. Se volete info più approfondite sulle singole isole, ma soprattutto consigli tattici o personalizzati, potete infatti chiedere direttamente a Horizon Viaggi Cosa vi potrebbe svelare Horizon Travel? Che a Serifos, ad esempio, si trovano moltissime ville appartenenti all'aristocrazia greca (era un regno) di una bellezza incredibile affittabili solo per conoscenze dirette e per le quali vi può essere d’aiuto. 

Concludo, quindi, con un Rapido Recap e con una Gallery esplicativa delle mete di cui abbiamo parlato.

Recap:

 

Kalymnos = Spugne Naturali + Anima Profondamente Greca + Mare Incontaminato + Natura Selvaggia + Mare e Montagne + Aridità + Famosissima per le arrampicate su Roccia

Leros = Isola Piccola + Colline Verdi + Alberi di Eucalipto + Vallate Fertili + Mare Cristallino + Dormire nel Mulino

Ikaria = Mare + Villaggi + Feste Tradizionali + Torneo di Scacchi + Vino Rosso

Serifos = Pochi Alberghi + Italiani ce Ne Sono + Natura Selvaggia + Mare Blu + Baie Deserte anche ad Agosto

Sifnos = Uliveti + Casette Tipiche dell’Architettura Cicladica + Mare Verde Azzurro + Apollonia + Pottery

Gallery

Serifos

Sifnos

Kalymnos

Leros

Ikaria

E Per Dormire? Alcune idee...

Grazie ancora Horizon Viaggi.

Seguitemi su Facebook e Instagram se vi va.

 

3 Risposta

  1. Le 5 isole greche dove non trovare italiani (o quasi...). Per fortuna l'autore non ne ha citata una veramente senza (o pochi anche ad agosto) italiani. Meglio così...resterà per sempre quasi tutta mia. Si tratta di Kytira
  2. Concordo sul ghigno a proposito delle 'sconosciute' Karpathos o Milos o (peggio ancora) Lipsi, dove anche le indicazioni per il fornaio sono in italiano. Da (ehm) vecchio frequentatore di Leros posso dire che lì di italiani ce ne sono ma abbastanza nascosti, molti sono discendenti dei vecchi militari di quando l'isola apparteneva alla nostra nazione. Che dire invece di Tinos (lì di connazionali ne ricordo pochi) o Tilos (dove non sono ancora stato)? In genere, comunque, ho l'impressione che il Dodecanneso sia meta poco preferita dagli italiani rispetto agli altri arcipelaghi.
    • Bruno Tinos a me è piaciuta un sacco infatti ci torno portando 10 amici ce ho convinti il prossimo luglio :-)

Lascia un commento