Trasferirsi in Grecia: dai posti più tattici alle agevolazioni per i pensionati

Trasferirsi in Grecia, comprar casa in Grecia, andare a vivere su un’isola greca… sono queste alcune delle dolci ossessioni italiane.

Ma cosa attrae di più di questa agognata e sognata vita ellenica? Il desiderio di trovare una dimensione a misura d’uomo in cui il tempo scorre lento a ritmo di siga siga, la voglia di lasciarsi abbracciare da un’umanità che in certe zone d’Italia sembra quasi scomparsa, la necessità di rigenerarsi grazie a un clima fatto di sole, luce, vento e mare infinito se si scelgono costa o isole.

E come faccio a sapere – o a sospettare - tutto questo? Perché me lo dite voi con i vostri messaggi, le vostre domande, i vostri commenti. Non a caso, infatti, i post My Greek Salad più letti sono sempre quelli dedicati a queste tematiche.

Lefki

A fronte di quanto sopra, e sperando di farvi cosa gradita, cerco ora di dare qualche delucidazione in merito alle recenti agevolazioni fiscali introdotte dalla Grecia e dedicate ai pensionati che decidono di trasferirsi nella Terra degli Dei.

La legge è relativamente nuova, ovvero data luglio 2020, e prevede quanto segue:  

Grecia: tassazione al 7% per 15 anni
Grazie all’approvazione e pubblicazione il 31 Luglio 2020 in Gazzetta Ufficiale ellenica della legge 4714/2020, i pensionati privati italiani possono trasferirsi fiscalmente in Grecia e beneficiare di un’imposizione agevolata del 7% per 15 anni.

Il pensionato interessato ad ottenere questa agevolazione deve trasferire la propria residenza fiscale in Grecia e trascorrervi almeno 183 giorni nell’anno solare.

Inoltre deve dimostrare di voler stabilire in Grecia il proprio centro degli interessi vitali, che si intendono sia affettivi che economici.

Da ricordare che la tassazione fissa al 7% per i pensionati italiani che si trasferiscono in Grecia riguarda solo gli ex lavoratori del settore privato. A stabilirlo è l’art. 19 della Convenzione contro le doppie imposizioni tra Italia e Grecia che regola la tassazione dei redditi da pensione dei dipendenti pubblici, tassabili solo nel Paese di provenienza.

Esiste però una soluzione anche per tale tipologia di pensionati che consiste nella richiesta e ottenimento della cittadinanza greca.

E in termini di località quali potrebbero risultare più interessanti” Ecco alcuni dei suggerimenti stilati in base a collegamenti, costi, prospettive di crescita del mercato immobiliare in caso di acquisto di casa&co, attività offerte e vicinanza a ospedali:

Le zone di maggior interesse
Le zone ritenute più interessanti sono la città di Atene e l’Attica (riviera e isole comprese), le isole Ionie (Corfù e Cefalonia su tutte), l’isola di Creta e le isole del Mare Egeo come Patmos, Paros, Naxos, Mykonos e Santorini. Esiste inoltre un grande potenziale in Ermioni - Porto Cheli è ritenuta la Costa Azzurra o la Portofino della Grecia: si trova a 2 ore di macchina da Atene, è accessibile via autostrada, ha spiagge splendide ed è ben servita e vicina all’ospedale di Nafplio. Altrettanto interessante anche la zona di Kalamata nel Peloponneso con spiagge meravigliose, ospedale vicinissimo e comodissima all'aeroporto.

Porto Heli
Porto Heli

E se quanto sopra viene suggerito dagli esperti di settore – in effetti mi sono fatta aiutare da un’Agenza specializzata nel prestare servizi di consulenza e assistenza a quanti decidono di trasferirsi in Grecia o - sotto e a corredo alcune osservazioni assolutamente personali:

  1. La legge prevede 183 giorni di permanenza in Grecia durante l’anno solare: ciò significa che chi si trasferisce potrebbe avere spesso voglia di fare un week end o un mini soggiorno in Italia soprattutto durante le mezze stagioni. Da valutare, quindi, che i costi di trasferimento non siano troppo alti e che i collegamenti siano frequenti.
  2. Se vi trasferite in Grecia sicuramente avrete amici e parenti che desidereranno venirvi a trovare: se vi fa piacere riceverli e averli con voi scegliete una località comoda da raggiungere; se li volete tenere lontani optate per un’isola tipo Kastellorizo. Lontana da tutto…
  3. E qui entra in gioco una mia fissa, ovvero il potenziale di crescita del mercato immobiliare che in Grecia, da quel che si legge, sembra abbia ottime prospettive in ottica di medio-lungo periodo. Perché, allora, non optare per un’isola o un luogo che vi piace e in cui i prezzi di acquisto di terreni o immobili siano accettabili per comprare la vostra casa? Sono pronta a scommettere che nel giro di 10 anni avrete fatto un affare perché la vostra casa avrà un valore più alto.

Ma quali e quanti documenti bisogna preparare nonché presentare per trasferirsi in Grecia? Decisamente non pochi se si considera che i due Paesi interessati – Italia e Grecia – sono tra i più belli al mondo ma anche tra i più complicati in termini burocratici. Se l’Italia è un incubo la Grecia, credete, è anche peggio non fosse che per la difficoltà di una lingua ai più incomprensibile.

Ecco perché, e questo l’ultimissimo tip, chi decide di trasferirsi in Grecia farebbe bene ad affidarsi a un’agenzia specializzata che segua tutti gli step. Questo, appunto, onde evitare di impelagarsi in pratiche e situazioni che rimandano immediatamente al Processo di Kafka: infinito e incomprensibile.

E con Kafka siamo arrivati alla fine, ma per chi desiderasse ulteriori info sono a disposizione. Scrivetemi pure.

Porto Heli

e se volete parlare virtualmente con chi si è già trasferita ecco la Video Testimonianza di Nicoletta OneQuarterGreek

Clicca Qui per vedere il Video


Credit Immagini Cover Proto Heli: @thisisportoheli
Credit Immagine Atene: VisitGreece.

Nessun commento ancora

Lascia un commento